Papa Francesco, i due volti di Bergoglio tra fede e militari

La prima volta che scrissi dell’attuale papa Francesco fu nel 1999, quando assunse l’incarico di arcivescovo di Buenos Aires. Dissi che “a seconda della fonte che si consulti, è l’uomo più generoso e intelligente che abbia mai detto messa in Argentina o un machiavellico fellone che tradì i suoi fratelli spinto da un’insaziabile ambizione di potere. Forse la spiegazione risiede nel fatto che Bergoglio riunisce in sé due caratteristiche: è un conservatore estremo in materia dogmatica e possiede una manifesta inquietudine sociale. In entrambi gli aspetti somiglia a chi lo designò alla guida della principale diocesi del Paese, il papa Karol Wojtyla”.

Continua a leggere

Santità, rivoluzioni la sua Chiesa!

di AMDuemila – 16 marzo 2013 Da persone di fede quali siamo ci rivolgiamo a lei ora che è stato investito della massima autorità riconosciuta dalla dottrina cattolica. La semplicità e gli atteggiamenti umili di servizio cristiano sono ottime espressioni di speranza per una chiesa cattolica offuscata dagli scandali e dalle bestemmie contro lo spirito santo. Non abbiamo dimenticato, Santità, […]

Continua a leggere
1 2 3