Azione climatica: l’Ue presenta all’Onu il nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra

Al Consiglio ambiente Ue passi avanti anche per economia circolare, sostanze chimiche e batterie

Dopo che il Consiglio europeo ha approvato il nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni di gas serra dell’Ue di almeno il 55% entro il 2030 rispetto ai livelli del 1990, l’Ue e i suoi 27 Stati membri hanno formalmente presentato questo obiettivo quale nuovo contributo determinato a livello nazionale (NDC) nel quadro dell’accordo di Parigi.

La Commissione europea sottolinea che «Parallelamente, i colegislatori proseguono i negoziati sulla legge europea sul clima, che fissa l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050 e l’obiettivo dell’Ue per il 2030 in una normativa vincolante dell’Ue. La Commissione ha concepito il Green Deal europeo come la nuova strategia di crescita dell’Ue. Il suo obiettivo principale, fare dell’Europa il primo continente a impatto climatico zero entro il 2050, dà certezza alle nostre imprese. Il nuovo NDC è un passo necessario per accelerare gli sforzi di decarbonizzazione nel quadro del nostro contributo all’obiettivo dell’accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale ben al di sotto di 2°C e di proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5° C».

La Commissione Ue ricorda che «L’ambizioso nuovo NDC dell’Ue ribadisce l’impegno dell’Unione ad essere leader in materia di clima a livello mondiale e serve da esempio e incentivo affinché i nostri partner internazionali rafforzino i loro NDC in vista della COP26, che si terrà a Glasgow l’anno prossimo. Negli ultimi mesi abbiamo visto che altre grandi economie hanno assunto una serie di impegni incoraggianti nella lotta contro i cambiamenti climatici, la settimana scorsa 70 leader mondiali si sono impegnati al vertice sull’ambizione climatica delle Nazioni Unite e altre 60 grandi imprese europee si sono schierate a favore dell’obiettivo fissato per il 2030».

Intervenendo al Consiglio europeo ambiente, il vicepresidente esecutivo della Commissione Ue, Frans Timmermans ha detto che «Dovremmo concordare rapidamente la legge europea sul clima. Fornisce la certezza di cui le industrie e i cittadini hanno bisogno. A nostro avviso è la “legge delle leggi” e come tale la nostra bussola per il percorso verso la carbon neutrality. Questo è un percorso lungo, 30 anni, e avremo molte distrazioni e poi la legge ci fornirà il quadro entro il quale anche se ci sono distrazioni, rimarremo sulla buona strada per raggiungere questo obiettivo finale».

Timmermans ha poi fatto notare che «Ora possiamo spianare la strada a un obiettivo di riduzione delle emissioni di almeno il 55% nel 2030 e alla carbon neutrality entro il 2050. E vorrei solo sottolineare che non siamo più soli in questo. Ricordo che un anno fa molti dicevano “sì, è molto ambizioso, ma cosa significa se l’Europa fa questo passo, solo il 9% delle emissioni, e il resto del mondo non la segue”. Beh, le cose stanno cambiando. Avete visto la dichiarazione di Xi Jinping su questo, avete visto le ambizioni della prossima amministrazione Biden su questo, avete visto il Giappone dichiarare la neutralità climatica  al 2050, la Corea fare lo stesso. Avete visto passi incredibili da parte del Sudafrica. Penso quindi che sia giusto dire che non siamo più soli. Siamo all’avanguardia, ma altri ci stanno seguendo ed è esattamente ciò che volevamo ottenere».

Il vicepresidente esecutivo della Commissione Ue ha ribadito che «Solidarietà ed equità sono elementi chiave di qualsiasi quadro climatico. Se diciamo che non vogliamo lasciare indietro nessuno, questo deve avere implicazioni. Allo stesso tempo, tutti i settori e gli Stati membri dovranno contribuire e pianificare la transizione verso la neutralità climatica. Finora le politiche climatiche dell’UE hanno sempre tenuto conto degli elementi distributivi, dell’equità. Ecco perché è stato istituito il Fondo per la modernizzazione per promuovere la modernizzazione del sistema energetico negli Stati membri a basso reddito; è anche per questo che il regolamento sulla condivisione degli sforzi stabilisce diversi obiettivi nazionali di riduzione dei gas serra. Prendiamo in considerazione le diverse posizioni di partenza degli Stati membri».

Durante la conferenza stampa tenutasi in conclusione del Consiglio ambiente, il Commissario Ue per l’Ambiente Virginijus Sinkevičius ha spiegato che «La Commissione sta lavorando alle valutazioni d’impatto per le proposte del giugno 2021 e condivideremo le informazioni non appena saranno disponibili. I ministri hanno inoltre discusso della presentazione degli NDC dell’Ue, che ora comprendono l’obiettivo aggiornato dell’Ue e l’allegato con le informazioni che facilitano la chiarezza, la trasparenza e la comprensione del nostro impegno. La Commissione attende con impazienza la sua presentazione entro la fine dell’anno».

Secindo Sinkevičius, «I nuovi strumenti finanziari sviluppati dalla Commissione svolgeranno un ruolo importante nel raggiungimento degli obiettivi climatici. E c’è stato quindi uno scambio di opinioni sullo stato di gioco dei piani nazionali di ripresa e resilienza. I ministri hanno condiviso esempi di migliori pratiche su come raggiungere l’obiettivo del 37% di spesa per il clima e su come massimizzare il contributo dei fondi di ripresa per la transizione verde. In tale nota, i ministri hanno adottato conclusioni sulla necessità di rendere la circolare di ripresa e verde, con un ruolo centrale per l’economia circolare. Queste conclusioni sono la risposta all’adozione del nuovo piano d’azione per l’economia circolare nel marzo di quest’anno. Sottolineano inoltre il ruolo dell’economia circolare nella ripresa dal Covid-19 e forniscono orientamenti politici sull’ampia gamma di azioni contenute nel piano d’azione».

Il Commissario europeo per l’ambiente ha poi detto che «Mi ha fatto particolarmente piacere l’attenzione rivolta alla prossima politica dei prodotti sostenibili e il sostegno all’ampliamento del campo di applicazione della direttiva sulla progettazione ecocompatibile, del diritto alla riparazione e la richiesta di una proposta sul passaporto digitale. E’ stato inoltre riconosciuto il ruolo dei metodi di impronta ambientale e sono state approvate le 7 principali catene del valore dei prodotti individuate nel piano d’azione per l’economia circolare. Inoltre, i ministri hanno sottolineato i legami tra digitalizzazione e ambiente e hanno adottato conclusioni sulla digitalizzazione a vantaggio dell’ambiente. Queste conclusioni confluiranno nel dibattito sulla trasformazione digitale sostenibile, chiarendo le opzioni di azione a livello europeo. A questo ha fatto seguito uno scambio di opinioni sulla nuova strategia in materia di sostanze chimiche per la sostenibilità, un primo passo verso l’inquinamento zero per un ambiente privo di sostanze tossiche annunciata nell’European Green Deal. Questa strategia ha due obiettivi principali: promuovere l’innovazione per sostanze chimiche sicure e sostenibili e aumentare la protezione della salute umana e dell’ambiente dalle sostanze chimiche pericolose. Dà inoltre un forte impulso all’innovazione e ad alternative più sicure dalla produzione al fine vita, anche intervenendo sullla produzione chimica. Questo contribuirà a rafforzare la competitività dell’industria comunitaria, rendendola sinonimo di sicurezza».

Sinkevičius  ha concluso ricordando che ha anche presentato la proposta della Commissione per un nuovo regolamento sulle pile e le batterie scartate adottato la scorsa settimana: «La proposta mette in atto un nuovo quadro normativo lungimirante per  batterie costruite pensando alla sostenibilità, affrontando contemporaneamente le questioni sociali, di mercato e ambientali. I ministri sono stati molto ricettivi e sono ansioso di lavorare a stretto contatto con loro su questo fascicolo durante tutta la procedura di codecisione».

fonte. greenreport.it

(Visited 8 times, 1 visits today)