Stragi del '93, il pm chiede l'ergastolo per Tagliavia

toga-giudice-giustizia

di AMDuemila – 3 ottobre 2013
Il sostituto procuratore generale di Firenze Giuseppe Nicolosi ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado con cui, nell’ottobre del 2011, la Corte d’Assise di Firenze ha condannato all’ergastolo il boss Francesco Tagliavia con l’accusa di aver messo a disposizione il gruppo di fuoco per le stragi mafiose di Milano, Firenze e Roma degli anni 1993-1994.
Secondo quanto emerso dalle indagini della procura di Firenze, Tagliavia era il capo famiglia di Corso dei Mille che faceva parte del mandamento di Brancaccio guidato dai fratelli Graviano. Tagliavia ha alle spalle anche una condanna all’ergastolo per l’attentato di via d’Amelio ed è ritenuto responsabile di numerosi omicidi.
Nel corso della sua requisitoria Giuseppe Nicolosi, che sostiene l’accusa insieme al sostituto procuratore generale Alessandro Crini, ha spiegato che “anche senza le dichiarazioni di Gaspare Spatuzza la posizione che emerge rispetto a Tagliavia è comunque quella di responsabile di questi fatti di strage”. Nicolosi ha quindi ricordato le dichiarazioni di altri collaboratori di giustizia, fra i quali Fabio Tranchina ascoltato anche durante questo processo in Corte d’Assise d’Appello a Firenze.

Riferendosi all’incontro avuto nel ’94, al bar Doney in via Veneto a Roma, fra Gaspare Spatuzza e Giuseppe Graviano, durante il quale sarebbero stati fatti i nomi di Silvio Berlusconi e Marcello Dell’Utri il sostituto pg di Firenze ha detto: “Spatuzza, che non ha motivo di arricchire di fantasie il portato di un certo colloquio, è certamente credibile anche su quel punto. I nomi significativi di due esponenti, uno politico, uno legato asseritamente a Cosa Nostra: Berlusconi e Dell’Utri”. Nel corso della requisitoria Crini aveva ricordato un precedente appuntamento, a Campofelice di Roccella dove Spatuzza aveva espresso le proprie perplessità a Graviano “per i troppi morti che si stavano portando dietro” con le stragi. Graviano rispose che “era bene che ci fossero i morti così chi si doveva dare una smossa se la sarebbe data”. Poi aggiunse: “Voi ve ne intendente di politica?”. Secondo Crini questo passaggio individuerebbe un doppio movente con Graviano che suggerisce a Spatuzza l’esistenza “di coperture politiche, agganci, che giustificavano questa follia collettiva”.
La sentenza è attesa per la prossima settimana: il programma prevede udienze l’8, il 9 e il 10 ottobre.

tratto da:antimafiaduemila.com

(Visited 32 times, 1 visits today)