“La via maestra”, Antonio Ingroia: Grazie a tutti

di Antonio Ingroia – 14 ottobre 2013
azione-civile-121013

Carissimi Azionisti Rivoluzionari di Azione Civile,
voglio ringraziarvi tutti, uno per uno, per quello che avete, individualmente e collettivamente, fatto per la riuscita della manifestazione di ieri a Roma per difendere la Costituzione Parlamentare e Democratica. Se la manifestazione ha avuto un grande successo, è anche merito vostro, lo sapete e lo sappiamo. Non nascondiamoci che questa manifestazione, rispetto ad altre precedenti, era di più difficile riuscita per almeno tre ragioni: 1) il tema, che non era accattivante e immediato come altre volte, visto che, almeno in apparenza, non erano direttamente in questione battaglie come quelle per il lavoro o la giustizia o la libertà di informazione, e quindi di questi tempi non era affatto certo che si riuscisse a mobilitare così tante persone; 2) la totale assenza del PD, su cui in altre occasioni, in tempi di opposizione antiberlusconiana, si poteva contare e che oggi è (lucidamente e coerentemente con le sue ultime politiche praticate) alleato coi “nemici della Costituzione” del PDL; 3) qualche atteggiamento di chiusura, specie sui territori, da parte di alcuni organizzatori della manifestazione, non sempre in linea col principio di apertura e inclusività ribadito più volte dai promotori della manifestazione.

Se, ciò nonostante, la manifestazione e’ stata così partecipata, è un grande risultato di cui va dato merito a tutti quanto vi hanno contribuito, a partire da tutti voi che avete saputo farlo con umiltà e spirito di servizio verso la causa, più importante di ogni protagonismo di questo o quel leader, vero o presunto. Personalmente, sono molto contento della vostra partecipazione, numerosa e visibile con le nostre bandiere, all’insegna del principio “fronte unitario nel rispetto delle differenze di ciascuno”. Il nostro movimento è cresciuto a vista d’occhio. Rispetto alle altre manifestazioni passate, non c’è confronto. Il movimento cresce, si irrobustisce e si rafforza. Merito di tutti coloro i quali, a livello nazionale e territoriale, si sono occupati dell’organizzazione della nostra partecipazione, in primo luogo di chi a Roma c’era, ma anche di chi, pur non potendo venire a Roma, ha organizzato dai territori ciò che si poteva, pullman e bandiere comprese. La manifestazione dimostra che si è creato lo spazio politico per un fronte unitario, popolare, democratico e costituzionale per costruire un progetto politico di cambiamento. Esiste uno spazio ed esiste anche un movimento che è il Popolo della Costituzione per il Cambiamento. Si tratta, insieme a tutti coloro i quali possono e vogliono, di starci dentro, ed allargarlo ancora per diventare vincenti, senza fretta ma senza esitazione, senza steccati e preclusioni, senza personalismi, nostri o di altri. Andiamo avanti con i 50.000 di ieri, e soprattutto con i quasi 500.000 che hanno firmato il nostro appello pubblicato e promosso da Il Fatto Quotidiano!
Un abbraccio e grazie a tutti
Antonio

Tratto da: azionecivile.net

(Visited 12 times, 1 visits today)