23 autori da non strozzare

Una situazione sicuramente strana e positiva, presentare un libro del genere, dentro il Parlamento, con la scritta Camera dei Deputati, grande e visibile. Sorprende perché dentro alle istituzioni, nel cuore dell’attività repubblicana italiana, “Strozzateci tutti” va a raccontare quello che una parte della politica, nella fattispecie il premier in persona, aveva preferito silenziare, derubricare. “Editto di Olbia” lo definisce il curatore del volume, lo storico Marcello Ravveduto, facendo riferimento all’espressione con cui Berlusconi, di fatto, si schierò contro chi, in Italia, ha l’ardimento e la passione civile di raccontare le mafie. Tutti da strozzare, per il presidente del Consiglio. Riecheggia la dantesca pena del contrappasso nel vedere una buona parte degli autori di questa antologia dell’antimafia, parlarne e discuterne, nella sede democratica per eccellenza, il Parlamento.

Continua a leggere
1 96 97 98 99