I diritti delle donne e i diritti dei bambini

Stati Uniti,d’America,primi anni del ‘900,alcune donne chiamate suffragette perché asserivano il diritto al voto, manifestano davanti alla casa Bianca il loro disappunto per non poter votare,fanno diversi picchettaggi,notizia che viene poi stampata e divulgata sui giornali,cominciano gli arresti,una di loro, Alice Paul, in prigione inizia lo sciopero della fame,allorchè i carcerieri e i medici la costringono a mangiare a forza,la intubano,gli inseriscono cibo nello stomaco,lei poi lo vomita,sta male,ma tiene duro perché sa di essere nel giusto,crede nella lotta che sta facendo,non è contro il presidente americano,ma contro una società ingiusta,maschilista,la lotta di quelle donne che io definirei con le palle,ha cambiato il mondo di allora,il loro arresto fu incostituzionale,sentenziò poi la legge,ma fu fatto lo stesso,arresti senza giusto motivo, senza che vi fosse un reato, furono fatti solo perché davano fastidio alla politica,perché chiedevano una cosa ovvia al giorno d’oggi ma impensabile per la società di quel tempo,quasi scandalosa,avere la possibilità di votare,di dare il proprio contributo alla società decidendo per quale politico votare.

Continua a leggere

Sono davvero libere le donne nel 2012?

A pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca.

Così diceva un politico famoso.

Otto Marzo festa della donna, una festa antica ,una festa nata per ricordare quelle operaie morte in una fabbrica in America, una festa per ricordare agli uomini che non siamo solo madri, cameriere e amanti.

Siamo qualcosa di più, siamo l’altra metà di Dio.

Continua a leggere
1 2 3 4 5 8