Via le grandi navi da Venezia: i ministri concordano su attracco temporaneo delle grandi navi a Marghera

Legambiente: «Bene decisione del Governo. Occasione unica per fare ripartire la portualità, il turismo e l’economia veneziana in direzione di un futuro sostenibile»

Con un comunicato pubblicato dal ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili, il governo ha annunciato che «Al fine di tutelare un patrimonio storico-culturale non solo italiano ma del mondo intero, i Ministri della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, della Cultura, Dario Franceschini, del Turismo, Massimo Garavaglia e delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, hanno concordato di dirottare in via temporanea il traffico delle grandi navi da Venezia verso Marghera. Durante un incontro svoltosi oggi in videoconferenza, i quattro Ministri hanno inoltre deciso di lanciare un concorso di idee per portare gli approdi fuori della laguna e risolvere in maniera strutturale e definitiva il problema del transito delle grandi navi a Venezia». ​

Una decisione che piace al presidente di Legambiente Veneto Luigi Lazzaro: «Finalmente una decisione che affronta con serietà il problema del transito delle grandi navi a Venezia. Purtroppo, in questi anni, l’inazione unita all’inadeguatezza della politica a più livelli hanno procrastinato il raggiungimento di una soluzione definitiva, cui ci auguriamo si arrivi ora al più presto. Riteniamo che il piano appena avallato dal Governo possa rispondere alle sfide cruciali che la città deve affrontare nell’immediato: da quella climatica, con il progressivo innalzamento del livello del mare e gli eventi metereologici estremi – a quella ambientale, legata alla fragilità dell’ecosistema lagunare, per tutelare un patrimonio storico-culturale unico al mondo. Quanto alla deviazione temporanea della crocieristica su Porto Marghera, crediamo possa costituire un’occasione straordinaria per riqualificare e riabilitare l’area del vecchio polo industriale, da sempre considerata “black spot” del capoluogo veneto, a patto che l’accesso venga regolamentato e consentito solo a navi di tipologie e dimensioni adeguate alla morfologia lagunare».

Sebastiano Venneri, responsabile turismo di Legambiente, aggiunge: «Il via libera dell’attracco temporaneo dei colossi del mare a Marghera e al loro allontanamento dal cuore fragile della città, il Canale della Giudecca e il bacino di San Marco, proprio nel giorno del 1600esimo compleanno della Serenissima, è senza dubbio un segnale di speranza per una città ferita dall’over tourism, prima, e dagli effetti della pandemia, oggi Auspichiamo adesso che questa decisione venga rispettata, in stretta integrazione con le indicazioni e le scelte promosse dal PNRR: è un’occasione unica, forse l’ultima possibile, per fare ripartire la portualità, il turismo e l’economia veneziana nella direzione di un futuro sostenibile, all’altezza delle sfide che investono l’intero Sistema Paese. Legambiente è, inoltre, da sempre convinta che la portualità turistica a Porto Marghera possa e debba convivere con il nuovo sviluppo economico-produttivo che l’area stessa sta assumendo, integrando lo sviluppo portuale con le linee di intervento per la transizione energetica che vedono finalmente fiorire idee di sviluppo per l’idrogeno, energie rinnovabili ed economia circolare».

Lazzaro conclude: «Porto Marghera ha la necessità di concludere il recupero del sito, tra i S.I.N. più estesi d’Italia, sia dal punto di vista ambientale che da quello sociale. I progetti dovranno tuttavia considerare le criticità del Canale dei Petroli, in particolare l’innalzamento del livello della marea nella laguna centrale, la continua perdita di sedimenti e la necessità di dragaggi per mantenere lo status quo del canale. Per questo sosteniamo anche la scelta del Ministero alla Transizione Ecologica di sottoporre a valutazione d’impatto ambientale i progetti di scavo e adeguamento del canale, da cui non si dovrà prescindere».

fonte: greenreport.it

(Visited 3 times, 1 visits today)